riflessioni

 IN PRIMO PIANO:
http://www.totustuus.net/modules.php?name=Content&pa=showpage&pid=36
Card. Bagnasco: autocritica dell’età moderna e autocritica del
cristianesimo moderno
Mentre nel famoso discorso di Ratisbona (12 settembre 2006) aveva
avanzato l’esigenza di una seria autocritica da parte della
modernità, nell’enciclica odierna va oltre, e sostiene che
"nell’autocritica dell’età moderna confluisca l’autocritica del
cristianesimo moderno, che deve imparare di nuovo a comprendere
se stesso a partire dalle proprie radici" (n. 22). In altre
parole, emerge da qui una grande chance offerta ai cultori della
modernità di andare al fondo delle contraddizioni in cui si
dimena la cultura odierna e individuare le aporie che sono la
causa della grande suggestione che illude ma non convince. Nello
stesso tempo, al cristianesimo d’oggi intimidito di fronte ai
successi della scienza, e per questo spesso ripiegato solamente
in ambito educativo e caritativo (cfr. n. 25), s’impone una
ri-centratura sul suo essenziale, per far scaturire da qui una
nuova capacità propositiva.

IN LIBRERIA:
http://www.totustuus.net/modules.php?name=Forums&file=viewforum&f=24
Processo a Darwin
Tutti noi, a scuola o in altri ambienti, abbiamo sentito
risuonare una stessa filastrocca, continuamente ripetuta quasi
come un mantra, è cioè che le varie specie animali si sono
evolute nel corso di milioni di anni per arrivare ad assumere le
fattezze e le specificità che le identificano oggi come tali.
Anche l’uomo, non sarebbe sfuggito a questa "inesorabile legge
naturale", evolvendosi dalle scimmie, sue lontane parenti. Ma le
cose stanno davvero così?

UN SACERDOTE RISPONDE:
http://www.totustuus.net/modules.php?name=Forums&file=viewforum&f=25
Perché a volte Gesù non concede quello che chiediamo?
http://www.totustuus.net/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&t=4735
Ho pregato con tutta la fede che avevo, e nel nome di Gesù
Cristo, perchè "tutto quello che chiederete nel mio nome al Padre
mio, Egli ve lo concederà". Non è andata come speravo. Non sono
stata ascoltata, il dolore c’è stato ed è stato molto. La paura,
penso, anche. Se il Vangelo è "vangelo", allora perchè non si è
avverato quello che Gesù ha detto?

Mons. Luigi Negri
http://www.sanmarinonotizie.com/default.asp?id=1&opr=5&content=14593
Quei ‘no’ gridati al Santo Padre sanno di regime
Le Università del mondo ideologico sono state certamente un
attacco terribile all’autentica cultura universale. I tentativi
"accademici "(?) e i tentativi di collettivi studenteschi di
annullare o, quanto meno, di contestare la presenza del S. Padre
all’Università La Sapienza, hanno l’amaro sapore della "cultura
di regime" e della violenza di regime. E’ inquietante, perché noi
pensavamo che tali avvenimenti non avrebbero più potuto essere
nemmeno pensati all’inizio del terzo millennio. La cultura di
regime è una cultura che avvilisce la vita dell’Università e la
vita della società ed è certamente, come minimo, segno di
intelligenza mediocre e di umanità rattrappita.

14) "MONS. ALESSANDRO MAGGIOLINI"
http://www.alessandromaggiolini.it/bin/servlet/mediabox.servlets.prese
ntation.DettaglioInfo?idInfo=41699&url=dettaglioRassegna.jsp
Riti sacri e stramberie a tutti i costi?
Di questi tempi non è difficile rinvenire qualche balzaneria
anche nelle celebrazioni liturgiche più sontuose (e si escluda la
Basilica San Pietro ). Se in secoli e decenni passati la Liturgia
cattolica sembrava statica e quasi ferrea – magari con una mano
lieve di oro o di argento -, oggi sembra talvolta che i riti
ecclesiastici raggiungano qualcosa che assomigli a delle scene da
teatro. Non è che sia molto arduo metter su delle scemenze che
magari affianchino a brani drammatici, brani comici. E va a
spasso la sacralità e la santità del rito. E rimane un pottpouri
che raramente riesce a strappare qualche meraviglia a gente
distratta. Un esempio. La Messa dei popoli dell’Epifania di
domenica scorsa – a quanto pare voluta dal Cardinale Tettamanzi –
ha messo in scena statue a grandezza pressappoco naturale, così
da rendere sempre più realistica la scena del Presepio:
danzatrici, processioni di pastori, file di cantori specialmente
srilankesi, senza mettere troppe censure alla fantasia: una
fantasia scialba, per altro. Attenzione, poiché, se non si
arresta in tempo, il presepe rischia di diventare una
burattinata: magari fiocamente interessante, ma deludente.

 "CONTRO LA LEGGENDA NERA"
http://www.kattoliko.it/leggendanera
Gli strafalcioni di Odifreddi
di Francesco Agnoli
http://www.kattoliko.it/leggendanera/modules.php?
name=News&file=article&sid=1940
Il noto polemista, di professione matematico, offende i
cristiani, ma discetta fuori dal suo campo e mette in fila una
serie di svarioni. Si vede che conosce poco e male la Sacra
Scrittura, la filosofia e la storia della Chiesa. E pure si fa
maestro di tutto lo scibile umano. E c’è chi lo prende sul serio
!

17) Luci sull’Est
http://www.lucisullest.it/news.php?res=true
Dominus Est – Riflessioni di un Vescovo dell’Asia Centrale sulla
sacra Comunione
La sacra Comunione non è soltanto un momento conviviale del
nutrimento spirituale, ma anche l’incontro personale più vicino
possibile in questa vita del fedele con il Signore e Dio.
L’atteggiamento interiore più vero in questo incontro è quello
della recettività, dell’umiltà, dell’infanzia spirituale. Un Tale
atteggiamento esige da parte nostra gesti tipici di adorazione e
di riverenza. Ne abbiamo testimonianze eloquenti nella
bimillenaria tradizione della Chiesa, caratterizzata dal detto
"con amore e timore" (primo millennio) e "quanto puoi, tanto osa"
(secondo millennio). L’autore riporta anche l’esempio di tre
"donne eucaristiche" di sua conoscenza del tempo della
clandestinità sovietica. Tali testimonianze possono incoraggiare
ed istruire i cattolici del terzo millennio su come trattare il
Signore nell’augusto momento della sacra Comunione.

18) Cornelio Fabro
http://www.corneliofabro.org/
Dio. Introduzione al problema teologico
La ricerca di Dio è il segno più autentico della vita dello
spirito perché rispetto a Dio ogni epoca della storia
dell’umanità, le singole civiltà e le stesse coscienze singole si
specchiano come nella misura del proprio rapporto all’Assoluto. E
si tratta di un rapporto stranamente dialettico, perché attestano
Dio non solo i credenti in Lui, ma anche quanti lo negano
caparbiamente perché l’ostinazione che li rode e la protervia che
li fa persecutori ad oltranza sono ancora una testimonianza di
Dio di cui non si vuol tollerare la presenza. L’ateismo, dopo
l’avvento del Cristianesimo che ha elevato l’uomo a figlio
adottivo di Dio, ha un significato teologico che non aveva
nell’antichità, perché contiene il rifiuto della propria salvezza
generosamente garantita ed offerta. L’agnosticismo, imperante
nelle scuole della fine del secolo scorso, oggi è passato nella
vita delle classi medie che aborriscono il materialismo
dialettico marxista perché si teme la perdita dei privilegi
acquisiti; e insieme non si ha l’animo di decidersi per una
religiosità senza infingimenti, il cui posto è preso dalla
cultura, dalla tecnica, dal "divertissement" dell’ora che fugge.
E il numero degli autentici cercatori di Dio si assottiglia
sempre più in questa civiltà dannata che rende l’uomo estraneo a
se stesso. Le pagine che seguono vogliono essere un itinerario
elementare per questa mèta suprema: dalle strutture di quelle
negazioni e oscillazioni, dalle genuine affermazioni della
scienza e della cultura, dal ritmo più profondo del pensiero e
dell’esperienza, trarre quell’affermazione dell’esistenza
dell’Assoluto, della Sua presenza nella natura, nella storia e
nella coscienza dei singoli senza la quale l’essere sprofonda
nell’insignificanza del nulla. Perché è a questa alternativa che
oggi resta sospesa, in una imminenza che sa di catastrofe, la
libertà di vivere e di sentirsi qualcosa nel destino dell’essere
per la salvezza dell’uomo.

19) Il Timone
http://www.iltimone.org/rivistaEditoriale.php?idRec=92
Scomodo
Sempre, nel corso della sua bimillenaria storia, la Chiesa ha
predicato cose scomode. In questo, è stata fedele discepola del
suo Maestro, che insegnando e mettendo in pratica verità sgradite
ai potentati religiosi del suo tempo, fu messo in croce. Cose
scomode, dicevo; e non soltanto per chi non crede, o credendo non
è cattolico, ma anche – talvolta – per chi della Chiesa fa parte
a pieno titolo. Ora, di queste cose scomode per credenti e non
credenti se ne trovano molte nella recente "Nota dottrinale su
alcuni aspetti dell’evangelizzazione” che la Congregazione per
la Dottrina della Fede ha pubblicato nel dicembre scorso. Un
documento che merita di essere studiato, perché mette – come si
suoi dire – molti puntini sulle i.

Corrispondenza Romana
http://www.corrispondenzaromana.it/
Duecentomila in Piazza San Pietro per esprimere solidarietà al
Papa
Oltre duecentomila persone, da Castel Sant’Angelo al colonnato,
sotto un cielo illuminato da un sole primaverile: giovani e
anziani, religiose e religiosi, famiglie con bambini di varie
età, turisti, politici di tutti gli schieramenti. L’Italia
"abbraccia" Benedetto XVI, accolto da tre minuti di applausi
ininterrotti, che prega e invita al dialogo. Ovviamente non
mancano gli accenni ai fatti della scorsa settimana: Il sonno
della ragione genera mostri, Liberi di ascoltarti, La Sapienza è
di Dio!, Basta con l’intolleranza anticattolica!, La Sapienza è
nel Signore, Chiesa pura e senza paura!, You’ll never walk
alone!, No ai cattivi maestri, Siamo qui perché laici, Cristo è
la vera Sapienza. recitano gli striscioni che sventolano in
piazza.

24) Fides – Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli
http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=15352&lan=ita
I giudici italiani bocciano di nuovo la legge 40
Dopo la sentenza di Cagliari e di Firenze, i giudici italiani
bocciano di nuovo la nota legge 40, sulla fecondazione assistita.
Il Tar del Lazio ha mandato all’esame della Consulta le norme ed
ha annullato le linee guida nella parte che vietavano la diagnosi
pre-impianto. Si apre così la porta all’eugenetica: alla
selezione degli uomini in base alle loro qualità genetiche, alla
loro sanità (giudicata unilateralmente e solo sotto la presunta
ottica "medica"). Sono impressionanti sia l’intervento del potere
giudiziario sia il coro di plausi giunto da molte, forse troppe,
parti a tale provvedimento.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Senza categoria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...