riflessioni

IN PRIMO PIANO
http://www.totustuus.net/modules.php?name=Content&pa=showpage&pid=36
Benedetto XVI: Viene attaccata impunemente la santità del matrimonio
e della famiglia
E’ vero che i tempi presenti risultano difficili per la Chiesa e
molti
dei suoi figli sono tribolati. La vita sociale sta attraversando
momenti di smarrimento sconcertante. Viene attaccata impunemente la
santità del matrimonio e della famiglia, cominciando dal fare
concessioni di fronte a pressioni capaci di incidere negativamente
sui
processi legislativi; si giustificano alcuni delitti contro la vita
nel nome dei diritti della libertà individuale; si attenta contro la
dignità dell essere umano; si diffonde la ferita del divorzio e delle
libere unioni. Più ancora: quando, in seno alla Chiesa, è messo in
questione il valore dell impegno sacerdotale come affidamento totale
a
Dio attraverso il celibato apostolico e come totale disponibilità a
servire le anime, e si dà la preferenza alle questioni ideologiche e
politiche, anche partitiche, la struttura della totale consacrazione
a
Dio comincia a perdere il suo significato più profondo. Come non
sentire tristezza nella nostra anima? Ma abbiate fiducia: la Chiesa è
santa e incorruttibile.

2) LOBBYING ETICO. Che fare dopo il Family day?
http://www.fattisentire.net/
Prevenire la rivalsa omosessualista!
La buona riuscita della manifestazione del 12 maggio sta già ridando
forza a pavide voci di smobilitazione, che invitano soavemente ad
occuparsi d’altri, pur importanti, temi. Sono le stesse voci che,
negli scorsi mesi, ci hanno invitato ad evitare lo scontro e le
contrapposizioni, dimenticando la differenza tra aggressore e
vittima.
Il popolo che ha difeso la vita nel Referedum sull’uccisione di
embrioni umani e la Famiglia Italiana mobilitandosi in massa, deve
invece tenere ben aperti gli occhi sul probabile insabbiamento dei
Dico, che saranno certamente sostituito da surrettizi provvedimenti
legislativi, che andranno nella stessa direzione: l’annientamento
della famiglia. Invitiamo pertanto ad insistere e far pesare sui
politicanti il successo conseguito, cliccate su:
http://www.fattisentire.net/modules.php?name=invio_mail2

IN LIBRERIA:
http://www.totustuus.net/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&t=4566
Libri di testo. Storia: Alle radici del domani
Alle radici del domani è un nuovo corso di storia per la scuola
secondaria di primo grado che si compone di tre volumi, scanditi
secondo la nuova periodizzazione prevista dalla recente riforma
scolastica. Nell opera viene affermata la necessità della conoscenza
di base della storia, liberata da ipoteche di tipo ideologico e
dall’impronta storiografica marxista; vengono offerti molteplici
stimoli alla capacità critica dell alunno; viene attribuita
importanza
centrale alla nascita della civiltà europea e occidentale; l’opera
mira a restituire alla storia il suo tradizionale ruolo di disciplina
fondamentale per la formazione civile degli studenti. In ogni
capitolo, alla parte narrativa, in cui vengono descritti gli eventi e
i fenomeni essenziali, si affianca infatti un vasto apparato
integrativo comprendente numerose rubriche che consentono ampliamenti
e approfondimenti, nonché la differenziazione dei percorsi di
apprendimento a seconda delle necessità e degli interessi individuali
degli alunni.

OPUS DEI. TUTTA LA VERITA’
http://www.escriva.it
+ Iscrivendosi al gruppo:
http://groups.google.it/group/Escriva
è possibile ricevere via mail notizie e approfondimenti sull’Opus Dei
+ Sono stati inseriti i seguenti documenti:
– Articolo del card. Tettamanzi su san Josemaría
http://www.escriva.it/Scrdat02.htm
– Omelia della messa di ringraziamento per la canonizzazione
celebrata
dal card. Ruini
http://www.escriva.it/Canondat07.htm
– Omelia della messa di ringraziamento per la canonizzazione
celebrata
da mons. Echevarría
http://www.escriva.it/Canondat06.htm

12) MONS. LUIGI NEGRI
http://www.tempi.it/archivio_dett.aspx?idarchivio=12327
Il popolo di Dio non è affatto morto
La contrapposizione [tra cattolicesimo e modernità] non è un problema
astratto: io l’ho sperimentata fin da quando il cristianesimo, noi,
eravamo attaccati al liceo. Del resto non è la Chiesa che è contro la
modernità: è la modernità che è contro la Chiesa. La Chiesa non è
programmaticamente contro niente e contro nessuno, se non il demonio.
La contrapposizione è un fatto storico. Non vedo come si possa essere
cristiani senza avvertire, con dolore, questa dialettica. Non per
condannare, ma per soccorre gli uomini che ne sono vittime… E
recupera la modernità migliore, valorizza tutto quel che nella
modernità c’è di buono, come il gusto del particolare che aveva messo
in luce il mio grande maestro monsignor Francesco Olgiati in un
libro,
L’anima dell’Umanesimo e del Rinascimento, che Vita e Pensiero
dovrebbe ripubblicare. Noi non abbiamo avuto come programma andare
contro la modernità; abbiamo patito i rigori della modernità, basti
pensare a come sono state per anni insegnate la storia e la filosofia
nelle scuole. L’abbiamo criticata per una preoccupazione per la
verità
e per una preoccupazione educativa.

RINO CAMMILLERI
http://www.rinocammilleri.it/beyondengine/frontend/exec.php?
id_content_element=463 /
Arte
Quando l’artista miliardario Cattelan appese sugli alberi della
pubblica piazza milanese dei manichini raffiguranti dei bambini
impiccati ci fu una larga protesta. Che l’allora sindaco, Albertini,
qualificò «becera». Strano comportamento, pensai allora: non solo
certe iniziative vengono imposte ai cittadini senza chiedere loro il
permesso, ma li si insulta se si lamentano. Gli impiccati rimasero
dov’erano (approvati anche da Sgarbi) e un povero disoccupato che
cercò di tirarli giù cadde e finì all’ospedale. Nonché sotto
processo,
perché le alzate d’ingegno dei rappresentanti possono essere
contestate solo col voto. Cioè, dopo anni. Milano ha fortunatamente
cambiato sindaco, com’è noto, ma non il vizio. Ora, sui suoi cieli
campeggia un grande pallone aerostatico che rappresenta
l’autoritratto
dell’artista di turno. Nudo e con grossi genitali in bella evidenza.
Questa volta è stato un pensionato, armato di cesoie, a cercare di
far
presente a chi di dovere cosa pensano i milanesi di certa arte, ma
anche lui è stato cacciato in malo modo dalla sorveglianza. Di certo
verrà pure lui denunciato. Mentre scrivo (Festa della Mamma 2007)
apprendo che il solito Comune di Milano sta patrocinando una mostra
intitolata «Luci rosse sull’arte», che è una «rassegna di giovani
artisti sul tema della prostituzione» e si tiene «vicino a un antico
bordello». Una delle opere, leggo, è «il manichino di un bambino con
un orsacchiotto e un paio di manette rivestite di velluto rosso».
Comincio a chiedermi se il Comune di Milano sia un po’ fissato.

16) ANTONIO SOCCI
http://www.antoniosocci.it/Socci/index.cfm?
circuit=Main&name=CaricaOggetto&modalita=view&rnd=0.743295764785&id=48
7
La scomunica per l’aborto e il Papa
Una nuova tempesta ora si scatenerà su Benedetto XVI. Cosa è
successo?
I vescovi del Messico hanno indicato la sanzione della scomunica per
i
politici che hanno approvato la legalizzazione dell’aborto a Città
del
Messico. Il pontefice – interpellato su questa inedita decisione
mentre si reca in America Latina – ha osservato che non è cosa
arbitraria perché è prevista dal Codice di diritto canonico. Queste
parole gli costeranno, perché la stampa e gli intellettuali laici,
che
pretendono di impedire ai cattolici di parlare delle cose pubbliche,
poi esigono di metter bocca sulle leggi interne della Chiesa
(scomuniche, funerali, sacramenti dell’ordine e del matrimonio e
quant’altro). E’ evidente che la Chiesa ha tutto il diritto di darsi
delle norme che regolano l’appartenenza ecclesiale… Ma perché negli
anni Settanta gli episcopati in Europa e in America – quando furono
approvate le leggi abortiste – non evocarono questa sanzione per i
politici?

17) PADRE PIERO GHEDDO
http://www.gheddopiero.it/timone/timone0612.html
da Il Timone: PER INCONTRARE L’ ISLAM TORNIAMO A CRISTO
L’ Occidente deve riflettere su questo fatto: i popoli musulmani ci
vedono come ricchi, democratici, tecnicizzati, istruiti, ma anche
come
atei, aridi, cinici, senza regola morale. Ritengono di avere una
missione storica da compiere: venire in Occidente per dare un’ anima
alla nostra civiltà, convertendoci in un modo o nell’ altro ad Allah.
E’ un concetto ripetuto continuamente dalla stampa dei paesi
islamici,
nelle moschee e scuole coraniche, ma non c’ è mai sulla stampa
italiana. I musulmani vedono l’ Occidente cristiano come un pericolo
per la loro fede: sono attirati dal mondo moderno, ma ne hanno anche
paura! Vogliono la nostra tecnologia e il progresso ad essa legato,
ma
non vogliono i nostri valori umani e religiosi, senza capire che lo
sviluppo viene dai valori cattolici residuali della nostra civiltà.

RADICI CRISTIANE
http://www.radicicristiane.it/interna.php?id_fondo=55
L’aggressione laicista che prepara la rinascita cattolica
Le minacce di morte e le offese espresse recentemente contro il Papa,
contro l’arcivescovo di Genova mons. Angelo Bagnasco, nuovo
Presidente
della Conferenza Episcopale Italiana e contro il card. Ruini, non
sono
né il primo né l’ultimo episodio di crescente intolleranza
neo-laicista degli ultimi tempi. Esse vanno ricondotte ad un più
vasto
fenomeno di cristofobia che vorrebbe cancellare la presenza pubblica
dei cattolici dalla società, attraverso forme di intimidazione
psicologica e di aperta persecuzione, come l’introduzione di leggi
anti-omofobe, destinate a colpire con il carcere e con pesanti
ammende
finanziarie chiunque voglia diffondere l’insegnamento tradizionale
della Chiesa sulla famiglia .

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Senza categoria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...