riflessioni cattoliche

IN PRIMO PIANO
http://primopiano.totustuus.info/
B. XVI: Una società che perde la direzione, non sa più dove
andare
Una società nella quale la coscienza cristiana non vive più,
perde la direzione, non sa più dove andare, che cosa si può
fare e che cosa non si può fare, e finisce nel vuoto,
fallisce. Solo se la coscienza viva della fede illumina i
nostri cuori, possiamo anche costruire una società giusta.
Non è il Magistero che impone dottrine. È il Magistero che
aiuta perché la coscienza stessa possa ascoltare la voce di
Dio, la coscienza stessa possa conoscere quanto è bene, che
cosa è la volontà del Signore. È solo un aiuto affinché la
responsabilità personale, nutrita da una coscienza viva,
possa realmente funzionare e così contribuire a far sì che
la giustizia sia realmente presente nella nostra società: la
giustizia al proprio interno e la giustizia universale per
tutti i fratelli nel mondo di oggi. Oggi non c’è solo la
globalizzazione economica: c’è anche la globalizzazione
della responsabilità; questa universalità, per cui tutti
siamo responsabili di tutti..

IN LIBRERIA:
http://libreria.totustuus.info
JOSEPH RATZINGER, La figlia di Sion. La devozione a Maria
nella Chiesa
Questo libro, piccolo ma estremamente denso e ricco di
contenuti, è il risultato di tre conferenze che Joseph
Ratzinger tenne alla vigilia della sua nomina a Cardinale di
Monaco sul tema della devozione a Maria all’interno della
Chiesa. All’epoca, siamo nel bel mezzo degli anni ’70 – l’originale
in lingua tedesca è infatti del 1977 – in una Chiesa
attraversata in pieno dalla crisi che seguì il Concilio
Vaticano II, la devozione mariana era attaccata da più
parti, spesse volte anche all’interno della Chiesa stessa. E
proprio in questo tormentato contesto, l’allora teologo
Ratzinger, si preoccupa di mostrare ed esplicare come la
devozione a Maria, fondata biblicamente e teologicamente,
non solo può avere spazio nella fede cattolica, ma è
fondamentale per la spiritualità dei cristiani.

RINO CAMMILLERI
http://www.rinocammilleri.it/
Cina
Il tiggì del 15 aprile 2007 mostrava, in Cina, la
distruzione pubblica di 42 milioni di pezzi di materiale
contraffatto. Però il "Corriere della Sera", la mattina,
aveva riportato che si trattava di materiale pornografico.
In effetti, cambia tutto. Bene, dunque. Si badi, sulla Cina
avremmo ben altre riserve. Né si tratta di bacchettoneria da
parte nostra. La pornografia serve a una sola cosa: a
masturbarsi. E scusate se non abbiamo usato perifrasi.
Ricordo personale: una puntata del talkshow di Gad Lerner
sul tema, invitato anche il sottoscritto fra gli altri. Ma
l’"intellettuale
cattolico" era relegato in terza fila e privo di microfono
al bavero. Al centro, venerata e omaggiata, una pornostar
(oggi si chiamano così) francese, che presentava un suo
libro (indovinate l’argomento).

13) MONS. ALESSANDRO MAGGIOLINI
http://www.alessandromaggiolini.it/bin/servlet/mediabox.servlets.prese
ntation.DettaglioInfo?idInfo=36143&url=dettaglioRassegna.jsp
Italiani ignoranti in religione? La colpa è solo dei preti
Siamo un paese di quasi analfabeti colti in fatto di
cattolicesimo. Spiace per Benedetto Croce, il quale
probabilmente conosceva un altro cristianesimo e quella
prima stella intellettuale che si chiama Eugenio Scalfari,
già introdotto in teologia, il quale scrisse con prosopopea
che nel Vangelo non c’è traccia del Padre Nostro… 25000
omelie domenicali dovrebbero cavare delle saggezze
altissime. E invece. Chissà: se invece di parlare di
buonismo e di pacifismo si ritrovasse il coraggio di dire,
anche da parte dei preti, che Gesù è il Verbo Incarnato e
Risorto, Salvatore di tutti gli uomini. Forse la vita
sarebbe anche più allegra.

14) VITTORIO MESSORI
http://www.et-et.it/articoli2007/a07d16.htm
Chi ha paura del vero Gesù. Ratzinger contro i "maestri del
sospetto".
Sin dalle prime righe della Premessa al suo Gesù di Nazaret,
Joseph Ratzinger (come preferisce essere indicato, scrivendo
qui come studioso privato) spiega perché, con una sorta di
urgenza, ha dedicato al libro "ogni momento libero" anche
dopo "l’elezione alla sede episcopale di Roma". , spiega
questa fretta usando un’espressione significativa, che
sembra in contrasto con i suoi toni sempre pacati ed
equilibrati. c’è oggi "una situazione drammatica per la
fede". Fede che sta dissolvendosi, se non si contrasta l’aggressione
– che viene anche da certa intellighenzia cattolica – alla
verità storica dei racconti evangelici.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Senza categoria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...